Noi donne trans dovremmo gareggiare solo con gli uomini

Possiamo fare una campagna per i servizi separati per proteggere la nostra dignità – e conservazione della documentazione separata che riconosce il nostro successo – ma lasciamo lo sport femminile alle donne. Lo dobbiamo alle nostre figlie.

Advertisements

«Le donne trans sono donne» è più di uno slogan, è una richiesta di acquiescenza. Ma è anche una retorica vuota che ci ha portati via della verità e in un paese immaginario.

Pensando che tutto sia dovuto invece di proseguire con un sentimento di empatia, gli attivisti transgender hanno insistito sull’accesso a prestigio e a borse nei campi dello sport e della politica che prima erano stati riservati per le donne.

Usando il bastone e la carota – facendo appello alla sua benevolenza mentre stigmatizzando i dissenzienti come bigotti – le donne hanno subito alla pressione affinché accettassero le donne trans, come me, non come alleate ma come donne vere. Obiezioni basate sulla biologia vengono scartate come cose sgarbate in un mondo dove i sentimenti hanno la priorità sui fatti. Continue reading “Noi donne trans dovremmo gareggiare solo con gli uomini”